Il prezzo valore - CarratelliRe
Ricerca Avanzata
Citta
Tipologia
Lifestyle
Contratto
Stato
Parola chiave
Superficie

M 0 M 36.000

Prezzo

€ 0 € 20.000.000

Abbiamo trovato 0 risultati. Vedi i risultati
Ricerca Avanzata
Citta
Tipologia
Lifestyle
Contratto
Stato
Parola chiave
Superficie

M 0 M 36.000

Prezzo

€ 0 € 20.000.000

abbiamo trovato 0 risultati
I tuoi risultati di ricerca

Il prezzo valore

Pubblicato da Linda Coppi sopra 05/06/2018
| 0

Il sistema del prezzo valore è un meccanismo dove la base imponibile delle imposte sulle compravendite immobiliari è costituita dal valore catastale, non dal prezzo. La sua applicazione consente benefici fiscali per il compratore, ed evita il nascere di contenziosi con il Fisco.

Prezzo valore

Nelle cessioni immobiliari il sistema del prezzo valore consente di pagare le imposte di registro, ipotecarie e catastali sulla rendita catastale rivalutata. L’acquirente che si avvale di questo sistema e indica nell’atto il corrispettivo pattuito non è soggetto ad accertamenti.

Tale meccanismo si applica alle cessioni di abitazioni e a favore di privati. Il prezzo valore immobili, inoltre, può essere applicato solo alle cessioni soggette ad imposta di registro, mentre sono escluse quelle soggette a IVA. Si tratta quindi di compravendite e altri atti di trasferimento: tra privati, con cedenti non soggetti a IVA (come associazioni e fondazioni) e da società e imprese non soggette a IVA.

Come si calcola il prezzo valore degli immobili?

L’Agenzia delle entrate spiega in modo chiaro come si calcola il prezzo valore. Bisogna moltiplicare la rendita catastale rivalutata del 5% per i seguenti coefficienti:

  • 110 per la prima casa e le relative pertinenze
  • 120 per le seconde case classificate nelle categorie A e C (escluse però A/10 e C/1)

In questo modo si ottiene la base imponibile su cui andranno successivamente calcolate le imposte. Poiché il valore catastale è, in genere, inferiore rispetto al prezzo pattuito, con questo sistema l’acquirente pagherà un importo più basso.

Il valore catastale, quindi, si ottiene moltiplicando la rendita catastale per il moltiplicatore catastale stabilito per legge.

Che cos’è la rendita catastale?

La rendita catastale è un valore attribuito ad un bene immobile in base a determinati parametri che sono:
– la consistenza dell’unità immobiliare, ovvero i vani, la sua superficie e volumetria;
– la tariffa d’estimo relativa al Comune ed alla zona dove è ubicato il bene la quale dipende dalla categoria catastale di appartenenza.

Dichiarazione prezzo valore

Il sistema del prezzo valore richiede una esplicita richiesta da parte dell’acquirente al notaio, che deve risultare nell’atto di acquisto. Nello stesso atto deve essere indicato il prezzo pattuito per la cessione dell’immobile. La mancata osservanza di tale obbligo comporta: il pagamento delle imposte sul prezzo pattuito, anziché sul valore catastale e una sanzione dal 50% al 100% della differenza tra imposta dovuta e imposta già calcolata.

Con questo meccanismo si è ottenuto che i valori dichiarati negli atti sono saliti. È quindi un’operazione che garantisce fin dall’inizio un rapporto chiaro tra il cittadino e il Fisco.

Confronta gli elenchi