La plusvalenza nella vendita di immobili - CarratelliRe
Ricerca Avanzata
Citta
Tipologia
Lifestyle
Contratto
Stato
Parola chiave
Superficie

M 0 M 36.000

Prezzo

€ 0 € 20.000.000

Abbiamo trovato 0 risultati. Vedi i risultati
Ricerca Avanzata
Citta
Tipologia
Lifestyle
Contratto
Stato
Parola chiave
Superficie

M 0 M 36.000

Prezzo

€ 0 € 20.000.000

abbiamo trovato 0 risultati
I tuoi risultati di ricerca

La plusvalenza nella vendita di immobili

Pubblicato da Linda Coppi sopra 21/06/2018
| 0

Come si realizza una plusvalenza?

La plusvalenza nella vendita di immobili si realizza quando un immobile viene acquistato ad un certo prezzo, e viene poi venduto ad un prezzo maggiore durante i cinque anni successivi all’acquisto.

Quando viene tassata la plusvalenza nella vendita di immobili?

La plusvalenza nella vendita di immobili viene tassata in questi casi:

  • quando l’immobile viene venduto durante i cinque anni dall’acquisto;
  • quando l’immobile non è pervenuto al venditore in seguito ad una successione;
  • quando l’immobile non è stato adibito a residenza del venditore o di un suo familiare nel tempo fra l’acquisto e la vendita.
  • quando l’immobile venduto è stato costruito dal venditore nei cinque anni precedenti e il prezzo di vendita è superiore al costo di costruzione.

Come si determina la plusvalenza?

La plusvalenza tassabile si determina svolgendo una differenza fra il prezzo di acquisto e il prezzo di vendita.

In questo conteggio possono essere detratte dal prezzo di vendita le somme che sono state pagate per la manutenzione straordinaria, la ristrutturazione e le spese di acquisto (quelle notarili e di registrazione del rogito).

Due metodi alternativi per pagare le tasse sulla plusvalenza. Scopriamo quali!

  • secondo la prima metodologia, la plusvalenza della vendita di immobili converge nel reddito annuo del venditore. Viene così tassata ai fini Irpef previa dichiarazione dei redditi;
  • secondo la seconda metodologia, la plusvalenza può essere soggetta di una imposta sostitutiva che è pari al 20% la quale viene applicata durante l’atto di compravendita.

Quali sono i casi nei quali la plusvalenza non si realizza?

La plusvalenza non si realizza con le cessioni a titolo gratuito, quindi con la donazione o il trasferimento tra coniugi durante il procedimento di separazione e divorzio.

Confronta gli elenchi